Master Zero – Lucifer’s Angel Lyrics

[Strofa 1]
Mi vendo l’anima da un pezzo, m’ha giovato
Quando la riprendo la rivendo a prezzo maggiorato
Si incide, manco penso ed esce un pezzo ragionato
Zee esce e uccide quando io mi spengo e vengo scagionato
Se in due secondi una Veyron va da zero a cento
In due secondi Master Zero va da sclero a sventro
Il voto è:sana gloria o sparatoria in pieno centro
Sparo fuoco dalla gola mentre sento il gelo dentro
Chiedimi qualunque cosa vuoi, la farò
Uccidi i miei nemici e fammi uscire dalla gabbia mo
Bushido:uscito uccido i tuoi, karashò?!
Che siamo amici voglio farti uscire dalla gabbia bro
Il flow vi investe le speranze come un panzer
O Come la peste ora che con le vespe avanzerò
Con tre carte ed un pensiero spengo il cero nero
Il nome d’arte Master Zero, nome vero Baal-zephon

[Interludio]
Why i am feeling like i’m died?
“Cause your life is being denied!”
Creepy face you’ve goddamn right
Rotten days and haunted nights!
Lucifer’s angels is coming for take within your burning soul
Lucifer’s angels is coming for…

[Strofa 2]
Apriamo il magnum opus e siamo entrambi fuori
Demones Santarium Locus,ora apriamo grandi fori (diglielo)
È apposto se non provochi il mio mostro (diglielo)
Più soffro più soffochi nel mio inchiostro (diglielo)
Se ci sei contro vai sei piedi sotto
Nel mio vecchio sepolcro t’ho sepolto
Ti lascio tosse e conto “forse è in rosso!” fosse molto

Dentro c’ho uno specchio rotto in cui dentro ti vedi morto
Feroluci dammi i fogli, tutti i soldi del mondo
Grazie a quanti fogli sporco o togli i soldi dal mondo
Voglio avere tutto quello che ti sogni dal fondo
Che ogni mio fratello vero me lo togli dal fondo
Che la mia coscienza esterna eterna sia la mia Atena
Una cisterna piena di rime in ogni mia vena
Una caverna piena di cime ed una mia rena
“No problema,mia materia,ma si fà alla mia maniera,brah”

[Sample]

[Strofa 3]
Devi accettare la realtà l’insonnia ha vinto
La tua lucidità ora è come un dopo sbornia fitto
Uscire dalla fogna costa, bisogna capirlo
Chi vive ciò che sogna quando dorme non sogna tranquillo
C’è chi ti piange e ti scongiura di restare
Ma se ha l’occasione parte anche chi giura di restare
Poi restare è una tortura che procura bile e fame
E che fa molta più paura del mare tra il dire e il fare
Che anzi pare sia un’oceano ma lo celano
Così paghi per toccare il cielo ma con Dedalo
Pensano che sfondo “che bei testi ,quanto svelano”
Quando toccavo il fondo questi qua dov’erano?
Ringrazio solo il diavolo di avermi preso a carico
Questi mi danno amore dopo avermi reso apatico
Le vostre sensazioni non le sento, desolato
C’ho il flow elemento vento e dentro c’ho un deserto desolato

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *