Master Zero – Mr. Zeenister Lyrics

[Intro]
Quando le cose vanno male
Queste… persone “civili” e “perbene”
Si sbranano tra di loro
Vedi, io non sono un mostro
Sono in anticipo sul percorso

[Strofa 1]
In quarta elementare già a casa spaccavo i piatti
Scavavo il male in me,mentre squartavo i gatti
Andavo a patti con il diavolo e non stavo ai patti
A dodici m’odiavo un po’ mentre sbrattavo ai party
Guardavo gli altri sorridenti e davo ai matti
Con quella bei momenti,a momenti la davo ai ratti
Le notti in bianco, la noia di vivere suprema
I fogli in bianco,non potevo scrivere sul tema
Che il mio primo ricordo d’infanzia è un filmetto osceno
Ed una donna che se la mena e malmena a specchi che dice:
“qui finisce la tua infanzia da bimbetto scemo
Ma non te la taglio sta vena se me la lecchi”
Ma che mi importa? potevo avere sorti peggio
Ma apro ogni porta con ogni sorta di sortilegio
Armeggio con il flow maneggio spiriti contorti
Se parli ai morti poi con i vivi ti comporti peggio
La mia capacità ti annienta per averla
Se si fomenta e si presenta, bella sberla
Così mi dà una trella che mi assenta nella cella
Mia mà(aaahrg) sta dillà che si lamenta della smella
Chiede a Lucifero se gli ridà la prole
Lucifero risponde: “ma zitta,l’ha abbandonato!
E manco gli hai insegnato a parlare, te lo dirà a parole!
La tua sconfitta era già scritta quando è nato!”
Parlare a mio (woof)
È come parlare ad un cane
Se tu parlare a mio (woof)
Poi tu parlare da cane
Devo trattare col cane
Farmi trattare da cane
Se esce sto disco rischio di farmi sfrattare dal cane!
Cristo giudica il mio disco e fa: “Madonna lurida”
Ma con la musica impazzisco al rischio di scomunica
Sai,Dio è una donna stupida che ha scazzi con la nudità
Ma davanti a tre cazzi ingoia con la gonna umida
C’ho l’alba che mi illumina o ero morto in viaggio
Non vi sopporto quindi vi trancio e scuoio
Sul foglio il mio disagio ce lo porto in braccio
Se muoio voglio che succhi il cazzo al mio corpo marcio
“Puoi fare bella musica essendo bravo e dotato”
No,io sono negato per fare il bravo soldato
Non sono bravo a fare il bravo
Non consolo i sordi
Io voglio solo i soldi per un bravo avvocato
Così esco fuori da ste cazzo di pare
Perché esco fuori ed ammazzo chi cazzo mi pare
Ed esco tra tre settimane con la condizionale
E rincomincio ad ammazzare chi cazzo mi pare!
Mr. Zeenister,c’ho cinque miste nel mixer
L’apocalisse nel grinder, tre giornaliste nel freezer

Giro le trelle ad elle usando la pelle degli hipster
E scelgo i nomi nelle liste, ma quelle dei killer
Non rapporto con la figa dando via Martini
Quando rappo porto sfiga come Mia Martini
E sono un bravo fan di Masini nei casini
Impiccato al cavo LAN perché che più fan casini
Violenza da punchliner mi fa dare rispetto
Senza fare differenza tipo Alzheimer in un senzatetto
Geronimo ti domino ma poi sono più anonimo
Del cancelletto trentuno cancelletto
Alle radici c’ho numerosi nemici vari
Ed a-mici gelosi dei miei amici immaginari
Tutti felici di dare resti ai pubblicitari
È come pagare l’ICI agli arresti domiciliari
Non alzo coppe, lascio zoppe le mie particelle belle
Fossi stato meglio non mi fumavo il cervello
Pure mia ma(aahrg) pensa che mi faccio troppe trelle ad elle
Ed era meglio che pippavo come mio frat-(ehm)
Poi parlo poco perché se apro la bocca t’offendi
Tu parli poco perché se apri bocca lo prendi
Qua mentre i rapper divi si smezzano i dividendi
Si attrezzano per fare pompini privi di denti
Vivi di complimenti?c’hai limiti evidenti
Ed imiti dei dementi insipidi,complimenti!
Fai l’umile ed assumi le pose e gli atteggiamenti
È inutile fare il volubile con i commenti
Sto a secco di contanti, non lecco il culo al prossimo
Perciò non vado avanti, mi dicono “avanti il prossimo”
Sicuro me li hai fatti grossi mò,tanto che il prossimo
Che mi fa il muro giuro non avrà futuro prossimo
Ospito demoni nel ciondolo, me possino
Quando prenderò ‘sto mondo darò solo grossi NO!
Vi riderò in faccia con la mia faccia da tossico
Io non abbaio sulla traccia ma la mozzico
E chi a flow mi ha sfidato dopo l’ho masticato
No non ho procrastinato, quindi è morto da sfigato
Se sto in giro ho già aspirato e tuo cugino ha già stirato
Chi non stimo m’ha stimato,mi fa il filo ma è spinato
Magari dovrei fare una rapa come Lassiter
Ma qua è meglio rubare come papa Ratzinger
Coi fomentati di prassi non faccio incastri per
Quattro drogati che vorrebbero stuprassi Cher
E lo sapevo stanno scesi e fanno prediche
Se non sollevo pesi ma sollevo le polemiche
Qua stanno tutti tesi e tutti presi dalle metriche
Come da certi arnesi certe lesbiche
Magari negli Usa mo ero un G con il Ferrari
Campari e mega schermo
Ma sto a piedi fermo sui binari
E se non credi a ciò che affermo allora siamo pari
Sei furioso, bè diventerò famoso se mi spari

[Outro]

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *